Materiali di Pietro su Feuerbach e Marx
Feuerbach
LUDWIG FEUERBACH A. Agnoletto, A. Bolgan - 5Asa a.s. 2017/2018
FEUERBACH su Filosofico.net
Se lessere umano per luomo lessere sommo anche nella pratica la legge prima e suprema sar lamore delluomo per luomo. "Homo homini deus est": questo il nuovo punto di vista, il supremo principio pratico che segner una svolta decisiva nella storia del mondo. (L'Essenza del Cristianesimo).
Original link

Il fondamento della preghiera è vicino a quello della civiltà e si evolve parallelamente ad esso (§ 34/36)

La religione serve, quindi, a domare una natura che ci è ostile, e “ha lo stesso fine, insomma, della cultura o della civiltà, che è rivolta unicamente a fare della natura un ente che dal punto di vista teorico sia comprensibile, e da quello pratico sia condiscendente, comprensivo per i bisogni umani”; e tuttavia, sfortunatamente, “la civiltà non riesce mai a realizzare i desideri della religione; essa infatti non può togliere quei termini dell’uomo che hanno il loro fondamento nell’essenza di esso”: Feuerbach sostiene così che la religione riesce a risolvere (seppure in maniera fallace) quei problemi che risultano impenetrabili per il progresso della civiltà umana. La comprensione totalizzante della natura può essere quindi riscontrata solo nella religione, ma tutto è clamorosamente vano: “la natura non risponde ai lamenti e alle domande dell’uomo; lo respinge implacabilmente in lui stesso”. Oltretutto, nella religione feticistico-animistica, l’oggetto della venerazione è spesso un ente materiale privo di vita (come un ceppo d’albero o una pietra) che viene considerato autosufficiente e sussistente per sé.

Con il progredire dello stato di civiltà, l’uomo si trasforma in un ente morale e politico; ecco che, per superare le intime contraddizioni del feticismo, la divinità acquisisce l’attributo dello spiritualismo e soprattutto diviene il supremo reggitore dei valori etici e politici: Zeus quindi diventa il punitore degli empi e degli spergiuri, nonché il padre di tutti i re umani. Così “la forza della natura come tale, e il sentimento di dipendenza da essa, scompaiono di fronte al potere politico o morale”. L’uomo, a questo punto, è pronto a far dipendere tutto dalla sua stessa essenza, in quanto fonde i propri valori morali con gli attributi divini e viceversa: i sovrani mortali, ad esempio, sono lodati con prerogative non umane e innalzati a figli degli dèi.

Feuerbach, Ludwig Andreas nell'Enciclopedia Treccani
Feuerbach, Ludwig Andreas. - Filosofo tedesco (Landshut 1804 - Rechenberg, Norimberga, 1872). Tra i più influenti critici della religione, elaborò una filosofia umanistica, di ispirazione materialistica, che influì sul giovane K. Marx. La sua attività filosofica è stata divisa vide in tre periodi: quello hegeliano (1828-1838); quello umanistico (fino al 1845) e quello naturalistico (1845-1866).
Original link
Feuerbach: alienazione religiosa e ateismo
La religione come antropologia capovolta: dio come proiezione naturale e psicologica delle qualità dei desideri e delle paure dell'uomo. Testo: https://www.ibs.it/essenza-del-cristianesimo-libro-ludwig-feuerbach/e/9788842052111
Original link
Bee Gees - How Deep Is Your Love (1977) Altro ancora su IMDb.com »
Original link